top of page

SBIRCIATINA AL PERCORSO 1G+
 

Prenditi del tempo per viaggiare nella storia di Reggio Calabria, esplora il cuore dell’area urbana dalla periferia fino al centro, segui le tracce di coloro che hanno abitato questi luoghi dalla sua fondazione a oggi. 

1G+R, un giorno in più a Reggio, è un viaggio nel tempo e nella storia della città: dai greci alle moderne contraddizioni.

Il viaggio nelle origini della storia cittadina inizia in una zona poco frequentata del centro abitato: la Collina degli Angeli. Qui troverai una viva testimonianza del nucleo antico della colonia greca di Rhegion: un tratto dell’antica cinta muraria, che ti porterà indietro alle origini reggine, lasciando leggere tra le righe le incertezze e le grandi capacità di affrontarle. 

Rhegion si doveva difendere dagli attacchi provenienti dai mari e anche dai monti, venne così costruita una cinta muraria della quale conserviamo una parte in mattoni crudi.

Questi materiali venivano realizzati con terra scura impastata con paglia e detriti ceramici e nonostante la fragilità di questi elementi, il muro è in piedi ancora oggi. Qui affinerai un punto di vista diverso che ti sorprenderà: i rischi per la quotidianità di Rhegion non venivano solo dal mare. Immagina all’epoca come gli abitanti si sentissero protetti da queste solide mura: meno spaventati del pericolo proveniente dall’esterno, orgogliosi del lavoro fatto, con lo sguardo più rilassato verso lo Stretto e l’Aspromonte. 

Le antiche mura oggi sembrano dover difendere loro stesse, inglobate tra gli edifici della città moderna. Un tratto urbano di coesistenza stretta tra epoche storiche differenti.

Rhegion si estendeva, con estensione diversa nei vari secoli, dalla Collina degli Angeli al mare, potrai ripercorrere quel collegamento tra parte alta e bassa della città, iniziando il cammino attraversando uno stretto vicolo, Salita Cappuccinelli, pieno di scorci interessanti e lontano da ogni suono cittadino.

Arriverai così, con un balzo fisico-temporale, in un altro periodo storico fondamentale per l’identità cittadina: l’inizio del novecento e il disastroso terremoto del 1908.

Nascosta in un angolo di Piazza San Marco, infatti, potrai notare una vecchia costruzione risalente alla veloce ricostruzione post terremoto, anche questa incastonata tra le moderne costruzioni urbane: la traccia di una delle fasi più tragiche della città di Reggio, una nuova coesistenza tra una reminiscenza del passato e la città nuova.

Nel periodo della ricostruzione tanti stati decisero di aiutare i terremotati, come si evince dalla toponomastica di alcune vie. Vennero così costruite delle case baraccate, in seguito sostituite da moderni palazzi in muratura. Una traccia di quel periodo che ti farà immaginare le situazioni vissute in quei momenti dal popolo reggino: momenti talmente forti da lasciare solchi nell’identità reggina.

Immagina i sopravvissuti, grati degli aiuti ricevuti e delle nuove case-baracca, dopo aver perso la precedente. Potrai anche fantasticare sul periodo della ricostruzione, che ha reso la città un grande e laborioso cantiere.

Un altro messaggio dal passato arriva dal nome della via che sale dal centro verso la montagna: via Reggio Campi. Racconta la periferia della città, prima dell’espansione urbanistica. Dove adesso si trova un'importante mole di costruzioni, in passato trovavano inizio i campi degli agricoltori. Da qui la città cedeva il passo alla campagna, fino alle pendici dell’alto Aspromonte. 

Reggio Calabria conserva la sovrapposizione sopra e sotto del prima e del dopo: come se si fossero contrapposte più città nel tempo, di questo noterai importanti tracce nella stratificazione e nella struttura delle strade. 

Il centro città moderno è stato ricostruito a scacchiera, in maniera ordinata e dal pregevole livello architettonico, trovando fondamenta nei materiali e nella storia del suo ricco e millenario passato.

Scarica la FANZINE
clicca sull'immagine per iniziare il download

Perchè percorrerlo

Cultural Gems!

Durante il percorso potrai avvicinarti ad alcune delle "Gemme Culturali" mappate dalla nostra redazione di comunità (e non solo) sulla web app "Cultural Gems" della Commisione Europea. Vuoi aggiungere anche tu le descrizioni delle gemme culturali, anche in altre città? Visita "Cultural Gems" da qui:

Hidden Gems!

Una statuetta di un dio egizio ritrovata a Reggio Calabria? Proprio Così! Durante il percorso potrai intravedere alcune delle "gemme nascoste" della città di Reggio Calabria. Qualche esempio? All'inizio del percorso troverai mura di periodo ellenico, mentre a metà strada ti imbatterai nel luogo del ritrovamento di una statuetta del dio egizio Bes. Vuoi saperne di più? ascolta il "Modcast"

Lista di gemme Culturali

Le singole gemme culturali che potrai incontrare nel percorso. È tutto? Assolutamento no, non perderti anche le gemme nascoste!

Mini podcast sul tragitto
Con la voce di Mod: il Modcast

Ascolta alcuni dei nostri commenti su questo percorso! Ha stupito anche noi, senti un pò

BACHECA DELLE CARTOLINE

DSC_0669
DSC_0658
DSC_0656

Inviaci le foto più interessanti che hai scattato sul percorso, potresti vederla pubblicata sulla nostra bacheca digitale.

ps. puoi riordinare le immagini ogni volta che entri su questa pagina

bottom of page